fbpx
,

Imparare all’orto con Im.patto

Con il procedere delle attività dei centri estivi, supportate dal progetto Nova Coop Im.patto VCO Tèra e Lagh, nutrirsi tra borghi e acque, negli orti di Cavandone e Pallanza, il gruppo ha avuto occasione di partecipare alla prima raccolta di verdure ormai pronte, come cipolle e patate. I bambini e le bambine dei centri estivi hanno partecipato alle cure delle primizie e alla conoscenza delle abitudini della coltivazione. 

Per loro, di giovanissima età e forse poco vicini alle consuetudini dell’autoprodursi il cibo nel proprio terreno, più legate di certo alla generazione dei loro nonni e delle loro nonne, è stato emozionante condurre quei piccoli alimenti per tutto il processo di crescita, dalla semina alla raccolta, per poi mostrare i risultati del loro impegno estivo, condotto, dagli educatori della Cooperativa Vaina e dalle figure esperte delle attività ortofrutticole, Federico Locatelli e Paolo Montanari.

Seguendo questa linea, i bambini e le bambine hanno organizzato il primo mercato rivolto alla cittadinanza, promuovendo il loro percorso nei terreni di Pallanza e Cavandone con una vendita di confezioni di patate e cipolle che ha riscosso un notevole successo, riportando nuove energie alle loro giovani volontà e donando nuova energia nel continuare questo progetto.

I gruppi del centro estivo partecipano settimanalmente alle attività negli orti, piantando nuove verdure nelle prose svuotate, assicurandosi che i pomodori crescano lungo i pali di legno e mantenendo il terreno ben umido, per evitare che le alte temperature di questi giorni danneggino il verde.

Inoltre, questa settimana i bambini e le bambine sono stati supportati da due ragazzi di Terra Verde, pronti a mettersi in gioco nel condurli e intrattenerli, ma anche nell’applicare i consigli imparati proprio da Federico e Paolo prima di incontrare i gruppi dei centri estivi.

I prodotti crescono senza intoppi, i giovanissimi partecipanti sono appassionati a condurre gli orti e questa fase del progetto Tèra e Lagh, nutrirsi tra borghi e acque si sta mostrando funzionante e generatrice di ottimi  risultati.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.